azlyrics.biz
a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 #

casa degli specchi – qual è il significato della vita? (il finale magiaro) lyrics

Loading...

[ritornello: chiara ragnini]
din, don, dan, la signora della sera
è arrivata e se n’è andata sopra una mercedes nera
din, don, dan, ha tagliato ogni catena
dietro al buio di una stanza tace la sua cantilena

[strofa 1: janeosa]
un bicchiere di pampero ed occhi fatti di nero
in un sentiero che mi avvolge come le nubi in cielo
che si affastellano a frotte, quando diventa notte
e sotto la vita scorre, birra giù da una botte
in un fiume che non si arresta, che poi è la realtà in se stessa
depressa in un algoritmico flusso di autocoscienza
in attesa che sia domani, credendo come un coglione
che un giorno nuovo mi porti un po’ meno pare e più sole
pensieri che si dipanano, bonghe sopra il divano
in testa un tramonto al conero e in faccia un mondo silvano
che piano piano ci ha preso, che piano piano ci ha tutti
è un lungo piano sequenza e ci sono le gioie ed i lutti
in un districarsi continuo, noi -ssieme a chi ci è contiguo
appizziamoci questo cylum che sembra tutto più esiguo
si questo è quel che ci è dato, correndo lungo il tracciato
mostrandoci l’una all’altro a vicenda un volto emaciato…ma..
questa frei è la vita e non ci si può fare nulla
e forse il senso è che tutto questo è solo una burla..ma..
io sto lì in mezzo e vivo tutto come minimo
io respiro ed amo forte come minimo
questa frei è la vita e forse si spiega da sola
o forse è solo un sogno su una spiaggia romagnola..ma..
io vivo tutto ogni secondo come minimo
e forse frei non serve altro in questo effimero

[ritornello: chiara ragnini]
din, don, dan, la signora della sera
è arrivata e se n’è andata sopra una mercedes nera
din, don, dan, ha tagliato ogni catena
dietro al buio di una stanza tace la sua cantilena

[strofa 2: alex antonov]
sai, sono stufo di avercela con la gente
non mi è mai servito a niente
non prendo parti, mai prese
mi è sempre sembrato… braaa
sì, stupido, semplicemente
sai, guardo tutto con distacco
circospetto metto cose in una casa
domani è un altro giorno, ma non domani
no non ci sono, esco a bere con dio (con dio)
“cerco dio”, cerco tutto con distacco
il diavolo mi tenta, nel senso che mi prova
“e se non funziono, sono ancora in garanzia
riportami al negozio, diavolo!”
sei piccolo e restaci finché puoi
non sei ancora pronto per il tavolo degli avvoltoi
piccolo mio dita di porcellana
stringimi la mano, camminiamo
naso di porcellana, respira piano o ti graffierai
piatti di porcellana al tavolo degli avvoltoi
io prendo ciò che posso come un cazzo di topo
io prendo ciò che posso per la mia famiglia, brindiamo!
calici nel cielo, piove al contrario
si, mai detto “a noi”, sempre detto “alla nostra”
calici nel cielo, piove al contrario
sì, mai detto “a noi”, sempre detto “alla nostra”
calici in cielo qui piove al contrario, le stelle risalgono
e vedo un mondo nuovo
calici in cielo qui piove al contrario, le stelle risalgono
ed io vado con loro e…
su questa stratosfera chateau d’ax
la casa degli specchi ti racconterà il senso della vita, che è…
il senso della vita, che è…
il senso della vita, che è… lo sapete, no?

[strofa 3: gyluciani]
din don dan, fra martino
e la morte? è il vicino
dice “roggy, vuoi del vino?”
dico “no”, perché prima
ho incontrato un’amica, mi ha dato una grappa
trent’anni e parlava già tipo sessanta, che palle!
ma forse sono io che bevo troppo
e che la vedo sessantenne perché vedo doppio
mi rendo conto dal profumo dei cornetti
che è l’alba, come il tartufo e la parietti
al bar, discorsi filosofeggianti
cioè dirsi che la vita è una merda per rincuorarsi
io dico: “ma un gallo ce la fa a galleggiare?”
non mi prendere sul serio, che ti ho fatto di male?
che la vita non è seria e neanche grottesca
walter veltroni e walter-lapesca
e io sono verdone nella grande bellezza
questo cazzo di ambiente inizia a darmi alla testa
sfatto quotidiano, sono marco tra-valium
e non ringiovanisco però manco il contrario
yeah! e questa provincia è nuda
ti fotte il tempo poi ti viene in faccia, come una ruga
io tiro avanti bene o male, niente male
lo so che questo non è il senso della vita ma va bene uguale