azlyrics.biz
a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 #

stinson mc – notte fonda lyrics

Loading...

[strofa 1]
due del mattino, notte fonda a jesi
vado via dalla casa del mio amico
“ci rivediamo domani” gli dico
“così staremo più soli di ieri”
un’altra serata p-ssata ad annoiarmi
ma ormai è così da mesi‚ non so più che farci
anche questi amici‚ li tengo vicini
ma sono distrutto‚ mi servirebbero dei fucili
ogni tanto penso che dovrebbe essere diverso
tutto quello che sto vivendo, ma poi mi riprendo
prendo l’ascensore, scendo e ascendo
con la testa‚ ma la mente resta al freddo, io spento
salgo in macchina, metto la musica
come fossi in chimica‚ scelgo la più unica
parto, ascoltando le parole della canzone
infatti io ancora sto aspettando il sole
come sto aspettando il giorno
p-sso ai giardini e metto via l’accendino
anche se non voglio più quella roba
forse nel parcheggio della mia scuola
muovo lo sguardo e mi guardo attorno
non c’è anima viva per queste strade
sembra ci sia stata un’apocalisse
molti sono in discoteca a ballare
io vivo la mia odissea proprio come ulisse

[bridge 1]
sento la depressione che non ho che mi attraversa
anche se non ce l’ho, mi mette sempre a terra
è come ogni giorno perdessi una guerra
e me ne accorgo ancora, mentre all’anti fumano erba
ne fumano così tanta da sembrare una serra
ma giro lo sguardo, guardo avanti, seh fra
possono anche farsi di keta
uomini onesti, puttane e sp-ccini e tutta quella merda

[ritornello 1]
è la stessa solfa, macchine che cigolano
ragazzi che sp-cciano, ma tu sorridi e dopo posta
è la notte fonda, dove si fanno affari sporchi
ma tu guarda avanti e non fissarli negli occhi

[post-ritornello 1]
è jesi a notte fonda
è jesi a notte fonda
è jesi a notte fonda
è jesi a notte fonda

[strofa 2]
p-sso davanti alle logge e ci sono due ragazzi in croce
che stan parlando di cose, ma non sento la loro voce
p-sso davanti al mio liceo, ma non ricevo nulla
come in cl-sse o come se stessi ancora nella culla
mi fermo nel parcheggio e fumo una paglia
guardo il cielo ed ho un dialogo con la luna
da lei non chiedo molto, neanche la fortuna
nemmeno una raglia, ma stare bene con la mia ragazza
mi fa male solo a pensare ai nostri litigi
della peggior razza, nei denti una mazzata
è come se fossimo peggiori amici
o non ci conoscessimo nemmeno, una coppia pazza
ma chissà dov’è che sta, le ho scritto un’ora fa
oggi non è uscita, ma è stata nella sua città
ancora non risponde, forse è là che dorme
o forse in discoteca, mentre mi faccio mille “forse”

[bridge 2]
solo a pensarci mi viene un attacco d’ansia
e per calmarmi mi fumo un’altra paglia
quindi mi metto in testa di non pensarci più
per non andare ancora di più giù
riesco a rimettermi, la calma si alza
ci sono, sono totalmente new, dejavù
spengo la paglia, riparto e torno a casa
e così si chiude la mia notte blu, ciao

[ritornello 2]
è la stessa solfa, macchine che cigolano
ragazzi che sp-cciano, ma tu sorridi e dopo posta
è la notte fonda, dove si fanno affari sporchi
ma tu guarda avanti e non fissarli negli occhi

[post-ritornello 2]
è jesi a notte fonda
è jesi a notte fonda
è jesi a notte fonda
è jesi a notte fonda

[ritornello 3]
è la stessa solfa, macchine che cigolano
ragazzi che sp-cciano, ma tu sorridi e dopo posta
è la notte fonda, dove si fanno affari sporchi
ma tu guarda avanti e non fissarli negli occhi
è finita oggi, ma ricomincia domani
è la notte fonda per giornate da cani
quella delle pare e delle depressioni
è la notte fonda per ign-bili azioni