azlyrics.biz
a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 #

cali – la malattia (final act) lyrics

Loading...

[hook]
in testa ho solo le cazzate di chi ingoia l’energia
la notte in piedi a bere, in paranoia schizzi via:
e se vorresti chiuder tutto,vaffanculo, ricordati che
l’eroe non fotte col malato, fotte con la malattia e per me…

[verse 1]
e’ sempre stata con nessuno e per nessuno, il dramma in casa
testa invasa, stai a digiuno: so come sentirsi inopportuno
pochi soldi con il mito dei soldi sono cazzi in culo
sono calci in bocca, scemo cresci
non tieni uniti poli opposti con la colla di pesce
lavora duro e se scleri esci
l’amore dura finché riesci
ci sono posti dove non impari coi “se”
servon due pali poi se
rimane posto ed energia, metti le ali e voli
certo, solo poi se torni!
p-ssano gli anni e tu hai contato i secondi
puoi permetterti un sogno solo se dormi (ricevuto!)
un secchio di sputo, un saluto secco e non è un benvenuto
allo specchio uno sconosciuto
sempre più vecchio, più ossuto e più cazzuto
e se pensi “vorrei tornare indietro”
conta che il tuo è un pavimento di vetro
il vento soffia, hai poco più di un metro
un mondo di luci e un cazzo in concreto

[hook]
in testa ho solo le cazzate di chi ingoia l’energia
la notte in piedi a bere, in paranoia schizzi via:
e se vorresti chiuder tutto, vaffanculo, ricordati che
l’eroe non fotte col malato, fotte con la malattia e per me…

[verse 2]
in testa ho solo le cazzate di chi t’ingoia
l’energia e poi s’annoia
e poi va via e se non ci stai male è malattia
la vedi l’espressione? questa è apatia
che poi è l’arte mia
prendi fiato, prendi esempio, scoordinato
cagati in mano tu che io non c’ho il tempo
né più la voglia
fisso, a giocare c’è sempre il rischio
preleva sto cash, poi dammi sto cash
cazzo dammi sto cash, che mi eclisso in un fischio
un punto sulla mappa
pensieri di piombo, il nulla attorno, scogli, volo, acqua:
il ri-ssunto di chi scappa
ciò che non sai sta al di là del muro
la tua sabbia negli occhi
non cancellerà me, conduco rame
la malattia fuori dal tracciato
non prego “amen”, neanche se ho fame
la tasca, il borsello bucato
la casta, il livello p-ssato
in pasta il cervello bruciato

[hook]
in testa ho solo le cazzate di chi ingoia l’energia
la notte in piedi a bere, in paranoia schizzi via:
e se vorresti chiuder tutto, vaffanculo, ricordati che
l’eroe non fotte col malato, fotte con la malattia e per me…