azlyrics.biz
a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 #

canesecco – 21 ore lyrics

Loading...

[verse 1: canesecco]
noi semo vittime de ‘na società che ce divide
ce spigne a fa la guerra fra poveri e ce deride
ce costringe a fa le sfide tra poracci
e non te fidi manco dei fratelli che t’abbracci
ma lo sapemo tutti che insieme semo tanti
abbastanza pe toglie costanza anche pure ai contanti
e infatti tutti vonno la rivoluzione
ma in piazza ce trovi quattro persone
e a dì la verità ce vonno ore de organizzazione
pure pe decider’ il titolo de ‘sta canzone
però se ce rifletti, se ce metti p-ssione
e giri un cannone poi va tutto alla perfezione

[hook: diluvio]
ho imparato da sta città piena d’odio e de falsità
l’importanza è de avecce gente de cui te poi fidà
può sembrà ‘na b-n-lità per la critica ce sta
ma nessuno prima ha reso sto concetto realtà

[verse 2: gemitaiz]
giro con gente malata che non si sente amata
vive con niente in questo ambiente trova sempre la strada
se mi chiudo fumo e vegeto un’intera giornata
se sorrido recito perchè l’ansia è appena tornata
me serve tutto meno che dare a sfogo
e quando rimango da solo non mi allontano mai tanto da loro
se conti che il rap non è manco lavoro
parto al volo mischio quello che mi serve a quello che mi piace
secco anche chi tace, non sei d’accordo: mi dispiace
questa è la mia mentalità
senza giochi mentali fra
a chi è rimasto a vent’anni fa
il mio pensiero è stereo ve l’ho confessato
semo quello che avrei voluto ce fosse stato

[verse 3: jesto]
rifacciamo le sei dico tutte le notti
ogni giorno non dormo di coda tre notti
sconnesso in streaming alle tre cotti
te intanto scrivi e fammi fare tre botti
la notte apro tutti e tre gli occhi te senti e sbrocchi
freedownload che scrocchi
quindi bro dimmi che cazzo vuoi
e fai invece di rompere il cazzo a noi
ho imparato da sta città
a sopravvivere in cattività
ho sbagliato e imparato poi con l’età
che o cambi il tempo o il tempo ti cambierà (e’ jesto)

[hook: diluvio]
ho imparato da sta città piena d’odio e de falsità
l’importanza è de avecce gente de cui te poi fidà
può sembrà ‘na b-n-lità per la critica ce sta
ma nessuno prima ha reso sto concetto realtà

[verse 4: gose]
se a fratè io sto bene da solo
non credo alle cose che dicono loro
dico e faccio quello che voglio
e scrivo su un foglio
il mio viaggio
malato come te che che volevi divisi
ce volevi divide noi reggemo la crisi
se sentimo rapiti da ste sonorità
con la stessa p-ssione e la stessa serietà
la missione è comunica’ quello che senti
con o senza troppi sensi doppi sensi
quello che pensi forse non è reale
io provo a comunicare
sta rabbia che m’-ssale

[verse 5: diluvio]
prova a respirare più aria pulita meno infettata
mi sento male, stamo messi male, stamo messi male
e lo so che lo vuoi ma non ci puoi fermare
non ci puoi staccare
da qua (da qua)
non ci pensare nemmeno compà
stamo un po’ pressati troppo impegnati
per dare retta a sta gente qua allucinati
la notte senza dormire
notti insonni per farvi capire
che la p-ssione non la puoi azzittire
fumo erba sono pronto a partire