azlyrics.biz
a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 #

carl brave – la cuenta lyrics

Loading...

[strofa 1: carl brave]
in mano una baguette, la radio che balbetta (bla-bla-bla)
e mentre parli il vento fuma la tua sigaretta
ormai siamo alla cuenta, alla doggy bag
e il tuo profumo che già non sa più di me
viso plumbeo, una schicchera
come col subbuteo
sono sveglio ma la testa è ancora a letto
faccio app-ssire anche l’ultimo fioretto
evito i silenzi imbarazzanti in ascensore
la vicina in doccia sento le doti canore
una giornata timida che s’è arrossita
io resto al letto co’ ‘n filmetto streaming in sub ita
i clacson cantano pare che è lo zecchino d’oro
un vinello vuoto digerisce morti di marlboro, ehi
speranze dentro un trolley
noi che ridevamo a crepapelle in un blue monday e mo

[pre-ritornello: federica abbate]
cade giù il soffitto e crolla il cielo in questa stanza
si apr-no le acque mentre p-ssa l’ambulanza
mentre io ti strappo i tatuaggi dalle braccia
la luna è già di schiena e c’è la gente che si affaccia

[ritornello: federica abbate]
ma come mai
te l’avevo detto mille volte facevi sì
ma tu non mi ascolti mai
ti cerco nell’ombra
sotto questi lampioni rotti
ma in questa città
non c’incontriamo mai
non c’incontriamo mai
neanche di notte
ma in questa città
non c’incontriamo mai
non c’incontriamo mai
neanche di notte
notte

[strofa 2: franco126]
7:30 io rimando un’altra sveglia
e tiro su il piumone fin sopra la testa, ah ah
ti ho incrociato mentre stavo in dormiveglia
ed esco col maglione messo alla rovescia, ah ah
e sono al bar e sto impegnato a fare niente (eh)
non ci incontriamo mai, ma io ti cerco sempre (‘ndo?)
al terminal delle partenze (eh)
tra le pieghe del letto (eh)
tra le rughe sul viso della gente
stiamo immobili
col sole che ci spia dalle veneziane
gli occhi rossi pe’ i pollini
svolazza nel vento un foglio di giornale
e ci sporcavamo i palmi con la vinavil
e ci perdevamo dentro questi vicoli
e se mi sporgo dalle scale ho le vertigini
come fossimo vis-à-vis

[pre-ritornello: federica abbate]
cade giù il soffitto e crolla il cielo in questa stanza
si apr-no le acque mentre p-ssa l’ambulanza
mentre io ti strappo i tatuaggi dalle braccia
la luna è già di schiena e c’è la gente che si affaccia

[ritornello: federica abbate]
ma come mai
te l’avevo detto mille volte facevi sì
ma tu non mi ascolti mai
ti cerco nell’ombra
sotto questi lampioni rotti
ma in questa città
non c’incontriamo mai
non c’incontriamo mai
neanche di notte
ma in questa città
non c’incontriamo mai
non c’incontriamo mai
neanche di notte
notte
e forse è meglio così
e forse è meglio
e forse è meglio
è meglio così
e forse è meglio
e forse è meglio
così, così, così, così, così, così, così, così, così così, così, così
e forse è meglio così
e forse è meglio così