azlyrics.biz
a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 #

kiave – deja vu lyrics

Loading...

[strofa 1: kiave]
non mi riesco più a incazzare
con chi non ha spina dorsale
punto a scuotere il tuo midollo spinale
fare vibrare la tua colonna vertebrale
con brividi dal sistema ormonale
ho mandato del catrame (dove?) nell’apparato polmonare
ed è arrivato catrame nell’apparato celebrale
perciò sto rap appare aderente a ‘ste strade
per tagliare il cordone ombelicale col b-n-le
con le pare con la voglia di criticare
che mi sta per mandare
in frantumi l’apparato genitale
appaio rinato, ma sempre serio
fra storie tese come elio, leggere come l’elio
unn’amu apparatu se vuoi ti procuro le pale
per spalare un quintale di letame di ‘sto bestiame
te lo puoi mangiare se c’hai fame per restare muto
il peggiore errore che puoi fare è svegliare ‘sto lupo

[ritornello: mecna]
tu cerchi quello che non c’è
ma sono più forte io di te
da quando peso le parole fino a quando finirà
ah, e se ti piace che vibrino i muri
ehi, se sei con noi, stai bruciando coi lupi
oh, se tiri su le braccia quando senti gli ululi
facce che non illumini dentro le notti blu

[strofa 2: kiave]
e ancora studio ciò che scrivo e ciò che vivo
se dietro a un grande artista c’è un pessimo uomo
il secondo ammazza il primo
e la tv non la guardo, la radio non l’ascolto
di rado esco di giorno e mo’ che bbuo’
e d’estate non m’abbronzo invece che stare a zonzo
sto a casa e compongo e mo’ che bbuo’
e con le groupie sono stronzo anche se sono sbronzo
non glielo do no e mo’ che bbuo’
su fatti di mia stoppa sta litania
lavuri pe a cia o per a polizia
pe tia è na follia pazzia cotia
pe mia sta mania è l’antidoto all’apatia
alla noia che è un motore universale
che ti fa svegliare vicino ad estranee che sembrano rane
cazzate quotidiane chi non le fa
il male sta in chi ti vuole giudicare e si sente sua sant-tà
sanità mentale precaria non varia
la strada s’allaga di bava bravi
quali braccia conserte se mi esibisco
io v’aspetto a braccia aperte come cristo sul crocifisso
io registro, misso, distribuisco
chiamalo egocentrismo ma non dirlo al fisco
shame on you come michael moore con bush
push push censurami è tempo perso come proust
‘sta cantilena t’ha pu tena tu mi tena su
su groove cu un si frena cchiù
per te è come redman in “black out 2”
ogni mc dopo di me è solo un dejà-vu
‘sta cantilena t’ha pu tena tu mi tena su
su groove cu un si frena cchiù
ho visto il futuro giù in una notte blu
ogni mc dopo di me è solo un dejà-vu

[ritornello: mecna]
tu cerchi quello che non c’è
ma sono più forte io di te
da quando peso le parole fino a quando finirà
ah, e se ti piace che vibrino i muri
ehi, se sei con noi, stai bruciando coi lupi
oh, se tiri su le braccia quando senti gli ululi
facce che non illumini dentro le notti blu