azlyrics.biz
a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 #

murubutu – l’uomo senza volto lyrics

Loading...

[verse 1]
che p-ssa a un uomo che p-ssa col capo abb-ssato?
ha un basco b-sso sul capo, il p-sso cansato
per lui il tempo basta che p-ssi, eppure p-ssa e non basta
non un giorno è p-ssato che il suo volto è di nuovo cambiato
p-ssato un campo accelera il p-sso tra i vicoli bui
lui cerca qualcuno o qualcuno cerca lui
scendendo una via si specchia dentro un macchina
questa gli rende intatti i tratti netti della schiatta caucasica
il nostro si guarda e rammarica
ha la capa rasa, la barba rada e una piaga alla palpebra
ha la faccia bianca, una macchia alla guancia glabra
contrae la faccia stanca che pare non abbia labbra
lui guarda il cielo poi respira a piene nari
sente l’odore del vento che spira dagli urali
forse non sembra, rimembra, ma
viali e muri e vari musi è un gioco di chiari e scuri come quelli di rembrandt

[verse 2]
forse qualcuno lo osserva, il cielo lo osserva, ma
lui resta in allerta in cerca ma sembra non serva
p-ssa tra l’erba alta che nessuno falcia
p-ssa di volto in volto, per cui nessuna traccia di una faccia
la caccia rimbalza di maschera in maschera
si specchia con ansia in una fontana dall’acqua salmastra
la vista s’appanna, il panico inganna
il nostro scorge la gamma di tratti della schiatta normanna
e no, non domanda né rimanda niente qua
la canizie incipiente ha ormai invaso le tempia
ha crini fulvi, occhi furbi e fulgidi
qua i vasi chiusi preannunciano nuovi disturbi
sente tra le cuspidi i fulmini che il cielo scarica
sono figli del vento che attraversa la manica
“ora prendimi l’anima ma ridammi presenza!”, p-ssa
di faccia in faccia ma una faccia vera vorrebbe avercela

[hook]x2
no, non so chi son
io non so più chi son
non so chi son
io non so più chi son

[verse 3]
tende a tendere il tendine, l’uomo che tende a farcela
mentre il suo volto attorto si mostra sicuro di farcela
fra rami secchi si districa, tra la selva più fitta
fare finta d’averla vinta, non accetta la vita sconfitta
uno col volto divelto, aperto dalla lama di un bravo
nessuno si specchia nell’acqua d’un tronco cavo
centomila sogni insonni di malaria che mendica
porta l’orma in faccia della schiatta dravidica
scatta tra graffi e rami in faccia che sembrano schiaffi
soffia fiati di fuga, fiati di bocca sempre più fitti
tende il capo color corvo, le gote bronzo sporco
rotte le gambe cedono il colpo a un corpo morto contro un tronco
a terra sporco di una terra diversa, riversa la testa
tra le fronde il vento ricorda la foresta dell’est, va ad est
del suo essere non ricorda l’origine
si specchia un volto nell’acqua ma qualsiasi volto rispecchia l’immagine

[verse 4]
il corpo sporco e gracile si trascina storto lungo l’argine
lerce scarpe lacere, calpestan meste cocce e cartacce
facce b-sse p-ssano, non sanno che stanno guardando
uno che non ricorda chi, chi è stato, né dove sta andando
mani in tasca, per poco non casca nell’acqua dall’aspetto livido
aspetta, chissà cosa, siede e riposa il fragile fisico
tremante s’appresta a lustrare luride lenti
tristi occhiali infranti rifletton sfuggenti i lineamenti di yankee
il suo sguardo è -ssente, occhi smorti e spenti
affanna col p-sso pesante cl-ssico dei piedi dolenti
profonde cicatrici ricamano il viso pallido
alita il tanfo rancido tipico dell’ubriaco fradicio
sopra la testa gracchiando i corvi si invitano a pranzo
cibandosi del pesce marcio lungo le rive dell’hudson
avrebbe un’altra vita solo potesse immagin-rs-la
l-ssù invece procede allo sbando p-ssando di maschera in maschera

[hook]x2
no, non so chi son
io non so più chi son
non so chi son
io non so più chi son