azlyrics.biz
a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 #

remmy – 5% lyrics

Loading...

[ritornello: lucrezia dea]
tra le cose che dico e quelle che penso
non p-ssa un momento in cui tu non ci sei
ma tu non ci sei
tra le cose che faccio, ti guardo nasconderti
come ombre dentro i miei occhi
solo tu riesci a toccarmi così

[strofa 1: remmy]
io non ti sento, ho il cellulare bollente all’orecchio
non trova il segnale ed è coerente perché anch’io ti cerco
in ogni momento in cui vivo per finta
che ho ancora il tuo ricordo qua appeso alle ciglia
tu sei sopra quel treno che porta lontano
ed io vorrei azionarne il freno a mano
davvero dico, e invece sto sul mio divano
e dormo un sonno leggero
tanto che mi ascolto persino il respiro
le lancette qui corrono piano
come a sbeffeggiarmi
e ricordarmi quanto poco tempo abbiamo
ah, come a ricordarmi quanto cazzo ti amo
nonostante tutti i pugni quando scazzottiamo
sembra una corsa contro il tempo
in bocca troppe parole e la batteria al cinque percento
non è mai troppo presto, salutami adesso
ti richiamo quando torno, promesso
lasciami andare

[ritornello: lucrezia dea]
tra le cose che dico e quelle che penso
non p-ssa un momento in cui tu non ci sei
ma tu non ci sei
tra le cose che faccio, ti guardo nasconderti
come ombre dentro i miei occhi
solo tu riesci a toccarmi così

[strofa 2: remmy]
avessi un secondo per parlarti ancora
ti direi ogni cosa che di solito stringe la gola
ma di tempo non ce n’è, purtroppo
stringo solo i tuoi fianchi e scopiamo
come se non ci am-ssimo neanche troppo
questi graffi sopra schiena e volto
parlano di noi più di una favola o un racconto
e se prima stiamo muti col ghiaccio dentro ai tessuti
poi lo faremo caldo e bagnato come scirocco
la lancetta ora corre spedita
e sembra che abbia fretta di portarmi lontano dalle tue dita
indugiamo un secondo prima di voltarci
come se volessimo lasciarci sì, ma mai in questa vita
ti chiamerò più tardi
adesso sali su quel treno con la testa che pesa più dei bagagli
e vai via, la linea cade se entri in galleria
io col cellulare morto senza batteria
urlo il tuo nome alla segreteria

[ritornello: lucrezia dea]
tra le cose che dico e quelle che penso
non p-ssa un momento in cui tu non ci sei
ma tu non ci sei
tra le cose che faccio, ti guardo nasconderti
come ombre dentro i miei occhi
solo tu riesci a toccarmi così