azlyrics.biz
a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 #

willie peyote – io non sono uguale lyrics

Loading...

[strofa 1]
quando vi sento parlare
penso che andrebbe ridiscusso il concetto di suffragio universale
qui è campagna elettorale dal ’94, il dado è tratto
stesse facce, stesse balle, stesso pacco: il più è fatto!
e hanno vinto quando
ci hanno convinto che anche noi avremmo fatto altrettanto
che l’occasione rende l’uomo ladro e chi si è candidato
per cambiare il mondo poi è stato cambiato già dal primo mandato
vent’anni di ipnosi di stato e il livello generale si è abb-ssato
da guzzanti a colorado
da bossi a maroni, quindi salvini da grillini a forconi
da comunisti a democratici piacioni
volti nuovi nel rispetto delle tradizioni
“la via per l’inferno è lastricata di buone intenzioni”
tutto il meccanismo fa pensare se sei onesto sei un cretino
vince chi fa più casino cazzo, guarda schettino

[ritornello]
io non sono uguale! non c’è bisogno di capire chi sta meglio o no
tanto sopravviverò
io non sono uguale! mi raccomando non pensare troppo
che ti fa male
io non sono uguale! e quando parli di un problema generazionale
tendi a generalizzare
io non sono uguale! non calcolarmi nella media n-z-onale
sono fuori e li voglio restare
io non sono uguale! non sono neanche l’unico a pensare
che sia un male non schierarsi e poi lasciarsi andare
io non sono uguale! e ho una voce per gridare “io non sono uguale!”

[strofa 2]
“si vabbè ma poi cazzo ne sai te
se è scritto sui giornale è solo la punta dell’iceberg
stai per montare una polemica ridicola
non credo alla politica, cos’è quella? una scia chimica?”
va bene il viaggio della contro informazione
ma credo alle stronzate come credo alla pensione
ok sono un coglione perché dico che fa tutto schifo
lamentarsi è facile, non ho mai mosso un dito
e tu da cosa l’hai capito? ti appresti a commentare
mentre leggi l’ “intern-z-onale” e ascolti “lo stato sociale”
so che stai per fare un master ad amsterdam
affitto e gli imprevisti? c’è papi con la mastercard
che poi papà è un bravuomo eh, lo so è pure impegnato
nel sociale. tutto meritato, i soldi non sono un reato
ha un buon rapporto col sottoproletariato
e nell’azienda che ha fondato quante t-sse ha mai pagato?
ok vabbè chi se ne fotte! dovrei sbocciare anche io
coca e mignotte. “che botte, che botte quella notte”
e pensi che visti da fuori sia meglio che da vicino?
se dici italia all’estero pensano a schettino
e questa non è denuncia, no, solo uno sfogo
potrei essere anche peggio, beh fortuna che mi drogo
vi provoco ogni mio monologo è del tutto innocuo
ma a te girano i coglioni perché ti ho rubato il gioco

[ritornello]
io non sono uguale! non c’è bisogno di capire chi sta meglio o no
tanto sopravviverò
io non sono uguale! mi raccomando non pensare troppo
che ti fa male
io non sono uguale! e quando parli di un problema generazionale
tendi a generalizzare
io non sono uguale! non calcolarmi nella media n-z-onale
sono fuori e li voglio restare
io non sono uguale! non sono neanche l’unico a pensare
che sia un male non schierarsi e poi lasciarsi andare
io non sono uguale! e ho una voce per gridare “io non sono uguale!”io non sono uguale! non c’è bisogno di capire chi sta meglio o no
tanto sopravviverò
io non sono uguale! mi raccomando non pensare troppo
che ti fa male
io non sono uguale! e quando parli di un problema generazionale
tendi a generalizzare
io non sono uguale! non calcolarmi nella media n-z-onale
sono fuori e li voglio restare
io non sono uguale! non sono neanche l’unico a pensare
che sia un male non schierarsi e poi lasciarsi andare
io non sono uguale! e ho una voce per gridare “io non sono uguale!”

[strofa 3]
l’ignoranza non è mai una colpa se non è una scelta
“a me me piace la merda”
l’ignoranza non è mai una colpa se non è una scelta
“a me me piace la merda”
l’ignoranza non è mai una colpa se non è una scelta
“a me me piace la merda”
l’ignoranza non è mai una colpa se non è una scelta